La gara

Finalmente il mese di Febbraio ci regala una giornata di sole! Mattina ideale per correre su percorso sterrato che non ha risentito delle piogge degli scorsi giorni.

Percorso che tuttavia si è rivelato molto, molto più difficile del previsto, in particolare la 21, che per tutti i primi 10 km è stata caraterizzata da percorsi in sentiero all'interno della boscaglia, con continui zig-zag tra gli alberi e saliscendi brevi (pochi metri) ma incessanti. Questa caratteristica ha messo a dura prova più le gambe che il fiato dei partecipanti, che hanno giocoforza dovuto adeguare i ritmi al terreno (comunque sempre molto ben segnalato, per questo va data una particolare nota di merito agli organizzatori).
Molto più scorrevole la seconda parte del circuito, che si snodava su carraie molto più "convenzionali" che hanno fatto rifiatare i corridori nella fase di rientro del centro abitato.

Va notato che i tracciati si incrociavano spesso, consentendo ai runners di potersi misurare su un numero ancora maggiore di distanze possibili (vedere, ad esempio, il percorso da 16.3 km nella gallery fotografica).
Infine, lodevole l'iniziativa degli organizzatori, accanto ai percorsi "classici", di istituire una 2 km dedicata ai diversamente abili, particolarmente apprezzata all'interno di manifestazioni, come quelle ludicomotorie, che si prefiggono come obiettivo la massima collettività possibile.

Com'è andata

Mamma che fatica!
Questa volta ho dovuto tagliare un bel pezzo del percorso perchè proprio non ce la facevo a fare tutta la 21.
Pazienza, vorrà  dire che mi rifarò domenica!

- Stefano